Perchè non ho una pagina Facebook


fb_sceneNon ho una pagina Facebook. Ho un profilo personale, ma non una pagina per la mia attività. Certamente la cosa può sembrare strana: il mio lavoro è proprio la comunicazione e proprio io non ho una pagina? No, non ce l’ho ed è il risultato di una scelta precisa.

A dire la verità tempo fa, molto tempo fa, senza riflettere troppo avevo ne avevo creato una ma quasi subito mi sono accorta che non mi interessava e che non interessandomi non riuscivo a curarla come una pagina richiede per essere valida e soprattutto per costituire un valido supporto al proprio lavoro.

Non fraintendetemi, non voglio assolutamente dire che una pagina FB non sia utile nel proprio business, tutt’altro. Può esserlo molto, ma innanzitutto va considerato il target al quale ci rivolgiamo, che cosa proponiamo e parimenti dobbiamo considerare l’impegno che possiamo dedicare ai suoi contenuti.
Ha senso creare una pagina, linkarla nel proprio sito o blog e poi mostrarla con l’ultimo post vecchio di mesi? Ovvio che no!
Io al momento non ho il tempo materiale per dedicarmi a una formula che richiede una presenza costante, post giornalieri dai contenuti interessanti e un’attenzione vigile alle interazioni degli utenti.

Inoltre, se devo occuparmi delle pagine di miei Clienti non posso occuparmi della mia… e non si tratta di un controsenso, attenzione: mantenere viva una pagina richiede molto impegno, uno sforzo continuo per studiare i contenuti e le immagini da pubblicare, una ricerca continua di qualità; non posso rischiare, per onestà e lealtà verso i Clienti, di utilizzare le idee migliori per me stessa 😉
Ecco perchè allora preferisco essere una “semplice utente” su Facebook, attraverso un profilo privato. Non solo così posso riservare le migliori prestazioni alla Clientela ma da utente normale ho la possibilità di cogliere al meglio e interpretare il pensiero dei frequentatori di FB.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.