Esserci o non Esserci…


abdE’ nei momenti più difficili che riusciamo a dare il meglio di noi e questo è un momento difficilissimo: crisi, recessione, confusione, sovraesposizione, presenzialismo, pressapochismo… devo continuare?

Un’ azienda consolidata, una società molto nota, uno studio professionale affermato sembrano avere tutte le chance per non soccombere (anche se non è proprio così al giorno d’oggi e più avanti parlerò anche di questo), ma chi si affaccia ora nel mondo del lavoro con una propria attività? Creare un sito o un blog? E la pagina Facebook? Il profilo Instagram? Twitter?

Non è assolutamente semplice pianificare la propria presenza in rete e come sempre il faidate sarebbe altamente sconsigliato, ma è vero che i budget da dedicare alla promozione e alla pubblicità sono sempre più ristretti e la tentazione di ricorrere ai tanti mezzi a costo zero che oggi la tecnologia ci mette a disposizione è forte. Vogliamo provarci? OK, ma il mio consiglio è di non cercare di strafare, ma di documentarsi adeguatamente e procedere a piccoli passi.
Non buttarsi a creare siti, blog, pagine FB e a bombardare tutti gli amici affinchè ci regalino un like. Non correre ad iscriversi a uno dei mille corsi che promettono di farvi diventare dei maghi della self communication in uno o due giorni, cosa assolutamente improbabile: finirete solo per spendere tempo e denaro, riempirvi la testa di nozioni che non riuscirete poi ad applicare o lo farete nell’identica maniera di tutti gli altri partecipanti allo stesso corso, quando invece l’originalità è la cosa più importante, quella che può fare la differenza.

La prima mossa è chiedersi di che cosa si ha bisogno, quale dovrà essere il primo strumento per debuttare in rete: sito o blog? O entrambi? Quale piattaforma usare? Ne parlerò la prossima volta, cercando di non annoiare con nozioni tecniche o tutorial superflui, visto che se ne trovano già a bizzeffe e molti davvero utili e ben fatti. Desidero invece parlare di come presentarsi, di cosa e come scrivere, quali contenuti proporre e, molto importante, quali canali social prediligere.

A presto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.